Martedì 23/07/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 01:43
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Gualdo di Narni: torna la paura dei ladri, qualche notte fa è stato sventato un furto alle porte del paese
Torna la paura dei ladri a Gualdo di Narni. Alcune notti fa ignoti hanno tentato di penetrare all’interno di una villa situata alle porte del paese. Ad accorgersi che qualcosa non andava è stata la figlia dei proprietari della casa che, abitando di fronte, ha visto un furgone parcheggiato nei pressi del cancello di ingresso ed una luce accesa in una delle stanze del pianoterra. Erano circa le quattro del mattino e non c’era alcun motivo che un furgone sospetto sostasse nei paraggi della casa. La donna ha così subito telefonato a casa dei genitori i quali hanno provveduto a dare l’allarme. Nel trambusto, però, nessuno ha tenuto d’occhio il furgone che all’arrivo dei carabinieri non c’era più. I ladri, evidentemente, avevano fatto in tempo a salire a bordo dell’autocarro ed a darsi alla fuga appena in tempo. L’episodio ha riportato apprensione non solo negli abitanti di Gualdo ma anche in quelli delle frazioni vicine. Negli anni scorsi, infatti, la zona sud del terrirotio comunale di Narni era stata continuamente presa di mira da bande di malviventi che erano quasi sempre riusciti a farla franca. Solo in un caso i carabinieri erano riusciti a cogliere sul fatto una banda di extracomunitari che erano stati assicurati alla giustizia. C’era stati anche episodi di un certo perciolo, come quando alcuni cittadini (a Vigne ed a Schifanoia) esasperati per il continuo ripetersi dei furti all’interno delle case, avevano deciso di ricorrere ai sistemi forti organizzando delle ronde ed appostandosi dietro alle tapparelle delle fineste. Era anche accaduto in un paio di casi che qualcuno, uditi dei rumori sospetti provenire dalla cantina, o notata qualche ombra che si muoveva con circospezione nell’orto di casa, abbia anche esploso dei colpi di fucile in aria. Ma in una di queste circostanze si era poi appurato che l’ombra che sgattaiolava nel cortile e che si era intrufolata all’interno della macchina parcheggiata sotto casa, apparteneva al nipote che stava rientrando dalla discoteca e che a sparare fosse il nonno appostato sul terrazzo.
2/9/2004 ore 14:15
Torna su