Martedì 23/07/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 14:34
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Fiordi (Pri) attacca Montagnoli e Tassi (Ds): "Quando lo dicevo io che a San Liberato la situazione è invivibile, loro dov'erano?"
Sulla questione dei rumori provenienti dalla superstrada e che disturbano i cittadini di San Liberato, interviene il consigliere repubblicano Piero Fiordi. “Mi sorprendono davvero le esternazioni dei consiglieri provinciali Tassi e Montagnoli riguardo ai problemi della frazione di San Liberato-attacca Fiordi-se i due esponenti diessini fossero stati più attenti ed avessero partecipato più assiduamente ai lavori del consiglio comunale si sarebbero accorti che da vario tempo giacciono due interrogazioni, riguardanti il medesimo problema e presentate dal sottoscritto il 10 dicembre dello scorso anno ed il 2 gennaio scorso. Giova ricordare che in consiglio comunale Roberto Montagnoli è il capo gruppo del partito di maggioranza relativa, mentre Gabriella Tassi è presidente della Commissione che si interessa di questi problemi; insomma non si tratta di due comprimari ma di personaggi di spicco in seno alla maggioranza. Ora entrambi si “scaldano” tanto in Provincia, dove a quanto sembra non è che contino più di tanto, mentre in comune, dove il loro potere è sicuramente maggiore, certe difese in favore dei cittadini sembrano non interessarli”. Fiordi ne approfitta per ricordare che “le frazioni di San Liberato e Montoro erano già state escluse dalla Regione dell’Umbria dai finanziamenti previsti per i “Puc” (Piani urbani complessi), e che erano stati rigettati i progetti preliminari approvati dalla giunta municipale ed in base ai quali si sarebbero realizzate delle migliorie nei due importanti centri per un importo pari a circa 18 miliardi di vecchie lire. Di quella bocciatura il comune non ha mai dato una spiegazione che ne motivasse la scelta fatta dalla Regione-insiste Fiordi-ed ora, a distanza di pochi mesi, i due consiglieri provinciali dei Diesse chiedono al presidente della Provincia ed agli altri organi istituzionali di attivarsi affinché l’Anas provveda a risolvere il problema dei rumori. Mi pare una incogruenza bella e buona che non fa fare una bella figura ai due consiglieri appena eletti”.
8/8/2004 ore 5:25
Torna su