Mercoledì 18/10/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 22:31
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Elettro: salta l'accordo per la procedura amministrativa di licenziamento collettivo dei lavoratori
Si è conclusa in Regione, con il mancato accordo fra le parti, la procedura amministrativa di licenziamento collettivo dei lavoratori in forza alla Elettrocarbonium S.p.A. Al termine dell’incontro, Regione e Comune di Narni hanno diffuso un nota congiunta. “Si chiude definitivamente - è scritto -, questo primo tentativo di reindustrializzazione del sito, che dopo la decisione di Sgl Carbon di cessare l’attività, aveva sperimentato un progetto, che oltre a garantire la continuità produttiva avrebbe dovuto prevedere il riassorbimento di tutti i lavoratori. Si ritiene, dunque, necessario che si realizzi il rilascio del sito entro la data già concordata tra le parti affinché ciò possano creare le condizioni per palesare eventuali manifestazioni d'interesse e conseguentemente creare le basi per un futuro occupazionale. Le Istituzioni tutte, il Governo nazionale, la Regione ed il Comune, ognuno per la sua parte e per quanto nelle proprie competenze e disponibilità, si sono impegnate per sostenere il progetto di Elettrocarbonium; oggi è tempo di prendere atto che quel progetto per come lo abbiamo conosciuto si è definitivamente concluso. Ora bisogna avviare una nuova fase, ponendo intanto rapidamente in essere tutte le misure necessarie perché, laddove rappresentati, si possano concretizzare interessi di soggetti industriali in grado di dare certezze sul futuro industriale ed occupazionale dell’area. Per far questo è necessario che si continui il confronto al Tavolo Ministeriale, utile non solo ad una verifica sullo stato dell’arte, ma anche per traguardare il futuro del sito industriale. La Regione e le istituzioni locali, metteranno a disposizione tutta la strumentazione ordinaria e straordinaria di cui dispongono, perché si determinino le situazioni di contesto, utili a favorire la continuità di una eccellenza produttiva unica nel nostro Paese e che ha caratterizzato lo sviluppo di un intero territorio”.
2/6/2016 ore 3:05
Torna su