Mercoledì 17/07/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 13:32
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Dissuasori scoloriti sulla strada di Funaria provocano incidenti agli automobilisti in transito
Dissuasori “invisibili” lungo la strada comunale di Funaria. La vernice gialla che era stata data ai dossi in cemento fatti installare dal Comune per ovviare al problema dell’elevata velocità con la quale la maggior parte degli automobilisti erano soliti percorrere questa strada, è scomparsa da un pezzo e dunque i dissuasori vengono visti all’ultimo momento. Questo comporta, quando va bene, improvvise frenate da parte dei conducenti dei veicoli, oppure dei bruschi contatti tra la parte anteriore delle autovetture ed il dosso, con conseguenze spesso gravi per carrozzeria, motore e parti meccaniche. “Qualche giorno fa sono passato a Funaria e ci ho rimesso la coppa dell’olio – spiega stizzito un signore di Narni -. Lo so bene che ci sono i dissuasori, perché quella strada la faccio da mesi,e quindi andavo ad una velocità ridotta, ma con il fatto che si sono scoloriti e quindi non si notano più con la stessa facilità di prima, uno non può ricordarseli tutti ed infatti ne ho preso uno in pieno che mi ha spaccato la coppa dell’olio costringendomi a rimanere lì in attesa del carro attrezzi”. Di episodi analoghi ne sono accaduti parecchi e qualcuno ha anche provato a fare rivalsa nei confronti del Comune ma sarà molto difficile che potrà ottenere dei risarcimenti. “I dossi artificiali stanno lì per impedire che venga superato il limite di velocità che non deve superare i 50 chilometri orari – spiegano in Comune – e se tutti rispettassero questo limite non ci sarebbero problemi perché i dissuasori si noterebbero per tempo e si avrebbe la possibilità di rallentare evitando incidenti”. Da quando la strada di Funaria è stata trasformata in un’arteria ad alta densità di traffico, causa la chiusura per lavori della ex Tiberina, la situazione in quella zona è diventata critica. Sono soprattutto i mezzi pesanti a creare le maggiori difficoltà, sebbene sia in vigore il divieto di transito a camion e Tir.
13/1/2006 ore 11:25
Torna su