Mercoledì 18/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 03:57
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Crisi Ast-Tsk:manifestazione di sostegno in programma oggi al Cinema Fiamma di Terni
Avrà luogo nella mattinata di oggi (20 gennaio) presso il Cinema Fiamma di Terni, una manifestazione a sostegno della piattaforma comune elaborata dalle Istituzioni e dai sindacati per il consolidamento e lo sviluppo del complesso siderurgico ternano, con particolare riferimento alla salvaguardia delle produzioni di acciaio magnetico, tenendo anche conto degli impegni assunti dalla Thyssen-Krupp in questo specifico settore. I dipendenti della fabbrica ternana effettueranno uno sciopero di 4 ore a fine turno. Il raduno dei lavoratori avrà luogo in viale Brin alle ore 10, da qui partirà il corteo che si dirigerà verso Piazza Tacito, il dibattito avrà inizio intorno alle 10.30. All'incontro parteciperanno anche le istituzioni e la stessa Provincia di Terni sarà presente, come confermato dal presidente Cavicchioli. “Decisioni in contrasto con i suddetti obiettivi –ha tenuto a sottolineare al riguardo proprio il numero uno della Provincia- oltre che irrazionali sotto il profilo delle politiche industriali e dei processi integrati del sito ternano, che costituiscono un valore aggiunto, produrrebbero una serie di conseguenze negative non solo per il territorio ma per la stessa TK ed impedirebbero la chiusura positiva del confronto in atto, con ripercussioni facilmente prevedibili. Le analisi oggettive, effettuate sulla base dei dati riferiti agli impianti ternani e al mercato dell’acciaio magnetico, con particolare riferimento al contesto nazionale che ha una rilevanza determinante, consentono di respingere con argomenti forti le soluzioni che ipotizzano la penalizzazione del sito ternano, che può e deve svolgere un ruolo di primaria rilevanza nelle strategie del settore, nello stesso interesse del Gruppo tedesco che, con decisioni negative – ha concluso Cavicchioli - perderebbe opportunità reali ed affronterebbe costi generali estremamente gravosi con elementi pregiudizievoli per tutto il complesso siderurgico ternano, per i rapporti instaurati e per le dinamiche conseguenti”.

20/1/2004 ore 1:59
Torna su