Domenica 23/04/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 07:21
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Ci ha lasciato Sauro Riccetti, il cantante che somigliava a Battisti e che nel '71 portò Narni al Festival di Castrocaro
Mancava da Narni da un sacco di anni, ma di lui si ricordano in tanti. In particolare quelle persone che hanno passato la cinquantina. La notizia della improvvisa scomparsa di Sauro Riccetti (63 anni) ha gettato un velo di profonda tristezza in molti narnesi. Impossibile non riandare indietro nella memoria e ricordarsi di quando proprio Sauro, insieme ad un manipolo di altri ventenni di allora, aveva portato Narni alla ribalta del Festival di Castrocaro, una delle rassegne canore più in voga in quei tempi. Era il 1971 e Sauro, insieme a Mario Di Loreto, Umberto Paparelli ed Evandro Martini, faceva parte del complesso "L'Altra Cosa". A Castrocaro non ci erano arrivati per caso, ma grazie al Patron Gianni Ravera che aveva sentito cantare questa piccola band di provincia in occasione di una serata. Sauro, un ragazzo a modo e con una capigliatura foltissima, sullo stile di Lucio Battisti, aveva una voce molto particolare. Lo possono confermare quelle persone che hanno la fortuna di avere conservato in un cassetto il 45 giri della canzone "Tu sola", il successo di Castrocaro che il gruppo narnese portò in giro nelle piazze e nei teatri per molto tempo. Ricordi lontani, che tornano prepotentemente alla ribalta oggi che Sauro ci ha lasciati. Egli aveva scelto di vivere a Modena, città di residenza della moglie che aveva conosciuto quando faceva il servizio militare in Emilia. Dalla loro unione sono nati due figli: Luca e Laura. Il primo ha seguito in qualche modo le orme del padre; è infatti un chitarrista di grande livello; l'altra figlia è una ricercatrice medica e lavora al centro 'Unimore' di Modena e Reggio Emilia. Sauro aveva abbandonato ben presto la carriera di cantante e di musicista. Aveva ripreso gli studi ed alla fine degli anni settanta si è laureato in ingegneria elettronica. E' entrato a lavorare alla Ferrari di Maranello come tecnico prima e dirigente poi. Come dirigente aveva poi lavorato con la Tetra Pack. Negli utlimi anni insegnava ingegneria delle applicazioni nella catena alimentare all'Università di Bologna. E' stato autore di ben 13 pubblicazioni tecniche che aveva illustrato lo scorso anno a Milano in occasione di Expo. Le esequie di Sauro hanno avuto luogo nei giorni scorsi a Modena. A salutarlo c'era tanta gente di quella città, che si è stretta intorno ai suoi famigliari. A Narni Sauro, oltre a tanti amici che lo ricordano con affetto, lascia i fratelli Roberto e Luciana ed i nipoti.
20/4/2017 ore 16:33
Torna su