Domenica 23/04/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 07:28
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Calvi dell'Umbria: una cerimonia per ricordare l'eccidio compiuto 73 anni fa dai nazisti e che costò la vita a 13 cittadini
Tredici aprile, settantatre anni dopo. Calvi dell'Umbria ha ricordato ancora una voilta l'eccidio nazista avvenuto il 13 aprile del 1944 nella piazza della cittadina. Corone d'alloro sono state deposte dal sindaco, Guido Grillini. Alla cerimonia hanno partecipato anche il presidente della Provincia, Giampiero Lattanzi, che ha recato anche il gonfalone dell'ente ed i rappresentanti dei comuni di Narni ed Otricoli. Presenti per l'occasione anche numerosi rappresentanti delle autorità locali, dell'associazionismo, delle associazioni degli ex combattenti e delle famiglie da cui provenivano le persone uccise dalla rappresaglia tedesca. Molto numerosa anche la partecipazione dei cittadini. "È uno degli episodi più cruenti e spietati della storia bellica delle nostre zone", ha detto il presidente Lattanzi che ha sottolineato il valore della memoria. "Un valore - ha affermato - che va mantenuto e attualizzato perché serve a mantenere alta l'attenzione sui pilastri fondanti le nostre democrazie costruite anche con il sacrificio di chi ci ha preceduto e che è morto per gli ideali di cui noi oggi ci nutriamo".
L'eccidio
Il 13 aprile del '44 vennero fucilati 13 cittadini inermi, sospettati di collaborare con i partigiani. Un episodio di una vera e propria “guerra ai civili”, in più la strage è organizzata e voluta con particolare ferocia da un colonnello fascista della Guardia Nazionale Repubblicana, Faustini Giunio, originario di Spoleto e operante a Terni e dai suoi figli di nome Franco e Vittorio, sergente, insieme ad un altro milite della Gnr. Il 12 aprile 13 cittadini vengono arrestati su indicazione proprio del Faustini, portati nella caserma dei Carabinieri e il giorno dopo fucilati sulla piazza del paese da 20 soldati delle SS tedesche, senza alcun processo e abbandonati poi sul posto i loro cadaveri.
14/4/2017 ore 16:15
Torna su