Martedì 25/07/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 12:42
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Calvi dell'Umbria, il proprietario dell'immobile mette in vendita la caserma dei carabinieri. L'Arma: "non ne sapevamo nulla"
La caserma dei carabinieri di Calvi dell'Umbria è in vendita. L'annuncio, corredato di foto, è inequivocabile ed è apparso su un noto portale che si occupa di vendite immobiliari. A pubblicarlo è stata un'agenzia che risiede, molto probabilmente, a Roma, visto che c'è un numero di riferimento che inizia con il prefisso "06". L'annuncio parla di "costruzione cielo/terra del 1992 in cortina di 985 mq più esterno distribuita su 5 livelli". La nota aggiunge anche che "L'immobile è locato con un ottimo reddito ed è ubicato in zona centrale dotata di infrastrutture sociali, economiche e commerciali. Buoni i collegamenti". La cifra richiesta è di 750mila euro. Insomma, non ci sono dubbi: la palazzina che ospita la caserma è in vendita. Quello che stupisce, però, è il fatto che l'Arma dei carabinieri, che sarebbe poi l'inquilino di quell'immobile "cielo/terra", non ne sapeva nulla di questa cosa ed a mostrarci tutto il suo stupore è lo stesso comandante della compagnia dei carabinieri di Amelia, il capitano Michele Basilio. L'ufficiale cade dalle nuvole quando gli diciamo di aver letto annuncio sul sito che si occupa di vendite immobiliari e si informa immediatamente, tramite il maresciallo che comanda la stazione di Calvi. La conferma, riguardo al fatto che l'immobile è stato posto in vendita, ai militari arriva di lì a poco. Superata la sorpresa, il capitano tende, tuttavia, a minimizzare la situazione, spiegando che, chiunque dovesse acquistare quell'immobile non potrebbe destinarlo ad altri usi che non a quello che ne avrebbe consentito la sua costruzione, ovvero un immobile destinato ad ospitare "pubblici uffici". Insomma la stazione dei carabinieri a Calvi, che venne inaugurata il 29 aprile del 2006 non correrebbe alcun rischio di essere "sfrattata". L'eventualità che possa venirsi a creare una situazione analoga a quella che diversi anni fa toccò alla stazione dei carabinieri di Narni, sembra essere al momento scongiurata.
12/4/2017 ore 3:45
Torna su