Giovedì 15/11/2018
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 22:56
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Area di crisi complessa Terni-Narni, Paparelli: "al via la presentazione delle domande per accedere ai benefici"
Da lunedi 2 luglio, è possibile presentare le domande di finanziamento sia per accedere ai benefici della L.181/89 che per quelli previsti dall’Azione 3.1.1. del POR-FESR 2014-2020 dedicati all’Area di crisi complessa di Terni-Narni. Lo rende noto l’assessore regionale allo Sviluppo Economico Fabio Paparelli. La presentazione delle domande dovrà essere effettuata in maniera telematica caricando le domande rispettivamente nel sito di Invitalia o in quello di Sviluppumbria (http://www.sviluppumbria.it/area_terni_narni) a seconda che si opti per l’incentivo nazionale o quello regionale. "Gli incentivi nazionali – ha ricordato l’assessore - sono rivolti a imprese medio grandi: con investimenti ammissibili non inferiori a 1.500.000 euro, mentre gli incentivi regionali sono rivolti a piccole e medie imprese: con investimenti ammissibili non inferiori a 50.000 mila euro e fino ad un massimo di 1.500.000 euro. L’avviso è rivolto a sostenere la realizzazione di una o più iniziative imprenditoriali finalizzate al rafforzamento del tessuto produttivo locale e all’attrazione di nuovi investimenti nel territorio di 17 Comuni umbri ricompresi nell’Area di crisi industriale complessa: Terni, Narni, Acquasparta, Amelia, Arrone, Avigliano Umbro, Calvi dell’Umbria, Ferentillo, Giove, Lugnano in Teverina, Montecastrilli, Montefranco, Otricoli, Penna in Teverina, Polino, San Gemini, Stroncone. Le iniziative imprenditoriali devono prevedere la realizzazione di programmi di investimento produttivo o programmi di investimento per la tutela ambientale eventualmente completati da progetti per l’innovazione dell’organizzazione. Devono, inoltre, comportare un incremento degli addetti dell’unità produttiva oggetto del programma di investimento. Per quanto riguarda l’assunzione del personale, viene indicato di procedere prioritariamente a rioccupare lavoratori licenziati e disoccupati, percettori o non più di ammortizzatori sociali, a causa di ristrutturazioni aziendali di imprese di uno o più dei 17 Comuni umbri del Sistema locale del lavoro di Terni, così come stabilito da una delibera della Giunta regionale dell’Umbria. I programmi di investimento, con spese ammissibili di importo non inferiore a 1,5 milioni di euro, devono riguardare le attività economiche individuate dalla normativa, tra cui sono considerati prioritari ambiti produttivi quali quelli delle industrie alimentari, bevande, tessili, prodotti chimici, materie plastiche, metallurgia ed altri". Ulteriori informazioni collegandosi ai link di Invitalia (https://www.invitalia.it/cosa-facciamo/rafforziamo-le-imprese/rilancio-aree-industriali-l181-89/terni-narni---cosa-da-sapere) e di quello di Sviluppumbria (http://www.sviluppumbria.it/area_terni_narni).
3/7/2018 ore 20:08
Torna su